Top
Moschea di Touba foto di Travelandcolors

La domanda è: cambia qualcosa per coloro che si recano in un Paese a maggioranza musulmana come il Senegal?

Il 6 Maggio è iniziato il mese sacro del Ramadan: mese di digiuno, preghiera, perdono e pace. Durerà 29 o 30 giorni, a seconda del calendario lunare. In questo periodo  ci sono cambiamenti per coloro che osservano il digiuno, woor in wolof. Per tutti gli altri non molto.

LUOGHI DEL TURISMO

Le strutture turistiche sono regolarmente aperte. I ristoranti continuano la loro normale attività. Quest’ultimi in questo periodo mantengono  la propria clientela. Coloro che non possono seguire il digiuno preferiscono pranzare fuori casa. Spesso le famiglie non cucinano il consueto cebou jenn (riso col pesce) se vi è un solo componente a mangiare.

Cebou Jenn foto di Galerie du Senegal

Altri esercizi come i “Jai Ndekki” fast-food della prima colazione aprono invece dalle 18,00 e non alla mattina come loro solito. Ci sono ristoranti e fast-food che iniziano l’attività un po’ prima dell’orario del “Ndogou”, la rottura del digiuno in wolof, coincidente con il tramonto. Altre tengono le serrande aperte a metà. In tutti e tre casi dipende dalla sensibilità del singolo esercente. I mercati, i supermercati e i mercati di alimentari seguono il consueto orario.

Per il rispetto del mese sacro è buonsenso evitare di mangiare per strada o di fronte alla gente. Nulla ti succede nel caso dovessi consumare del cibo perché la maggior parte delle persone penserà che non sei musulmano o che non puoi digiunare.

Nella regione di Dakar e nei luoghi turistici come Mbour, Saly, Saloum, Saint Louis e Ziguinchor i turisti troveranno le strutture ricettizie che svolgono il loro consueto esercizio.

Dakar

Medina e Point E di Dakar.
 Kite Aerial Photography (KAP)

Sono organizzati eventi dedicati per l’ “Iftar”(il pasto di rottura del digiuno in arabo) come avviene a Dubai consistente in una cena ricca ed invitante per tutti, musulmani e non. Gli hotel s’impegnano particolarmente a soddisfare i loro ospiti con deliziosi Ndogou a base di cucina senegalese affiancata da quella internazionale come la cucina marocchina o libanese.

Nella regione del Casamance, a sud del Senegal, dove vi sono molti cristiani non ci sono particolari modifiche dello stile di vita degli abitanti così come delle attività turistiche.

A dispetto di quanto si possa immaginare non vi è un rallentamento delle attività anzi la vita commerciale è più viva che mai. In particolar modo durante questo mese abbiamo presso il Cices (Centro Internazionale del Commercio Estero del Senegal) il Dakar Expo Ramadan. Esposizione internazionale che si svolge ogni anno in concomitanza del periodo del digiuno. La fiera ha lo scopo di sviluppare e promuovere il consumo dei prodotti locali senegalesi nei settori dell’abbigliamento, della cosmetica, dell’agro-alimentare, etc. Troviamo espositori provenienti da tutte le regioni del Senegal. E’ la fiera ove tutti possono ispirarsi sulle ultime tendenze di moda per preparare l’abito da esibire nel giorno di Koritè, festa di fine Ramadan in wolof.

RAMADAN IN TV

Se siete dei turisti vi perderete poco di fronte alla TV. Ma se alla sera vi assale la curiosità  di vedere la televisione senegalese e scoprire il costume del Paese vi accorgerete che la programmazione è in gran parte monotematica: sarà dedicato al Koor (mese di digiuno in wolof). Ma non pensate di trovare solo teologi. Sarete stupiti dalla proliferazione, sul medesimo tema, di commedie e sketch comici nei canali Tv e nel Web  trasmesse proprio nell’ora di rottura del digiuno.

UN PO’ DI SENSIBILITA’

Nelle città religiose invece bisognerebbe prestare particolare accortezza come a Touba o Tivaouane: anche qui non sarete ammoniti se vi rifocillate ma il rispetto dei luoghi invita ad evitare di mangiare in pubblico. In queste città le manifestazioni religiose aumentano così come la generosità dei suoi abitanti. Per chi si prefigge specificatamente di vivere un intensa esperienza spirituale è uno dei migliori momenti per visitarle!

Moschea di Touba foto di Travelandcolors

Moschea di Touba

Le persone che osservano la pratica religiosa saranno meno dedite allo svago e di più alla preghiera. La privazione del cibo induce la persona a risparmiare le proprie energie. Ci sarà per qualcuno meno propensione a gite lunghe ed impegnative a maggior ragione se il Ramadan cade in un periodo particolarmente caldo. Pertanto abbiate un po’ di comprensione verso i vostri accompagnatori senegalesi, che siano amici o guide turistiche di professione!

TERANGA SENEGALESE

Il mese del Ramadan in Senegal è soprattutto il periodo in cui vediamo la massima espressione della Teranga “ospitalità” senegalese. Se avete la possibilità di essere ospiti di una famiglia assisterete al momento del Ndogou come un momento di gioia e di condivisione. Le madri saranno indaffarate ad assicurare che tutti abbiano mangiato dimenticandosi spesso di se stesse. I più piccoli, esonerati dal digiuno, faranno finta di averlo fatto per partecipare all’ultima parte del woor cioè mangiare!

GENEROSITA’ VERSO IL PROSSIMO

Nelle moschee durante l’orario di rottura del digiuno viene offerto un delizioso pasto a tutti: caffè, begnè (simile ai bignè), succhi di frutta, formaggio fresco, acqua fresca, frutta, pane farcito con cioccolato o burro.

Ndogou a Touba

Ndogou a Touba

Molti si prodigano a garantire un pasto al vicino di casa o di quartiere che si trova in difficoltà economiche. Durante l’ora di rottura del digiuno vi capiterà di osservare lungo le strade giovani e non che mettono gratuitamente a disposizione cibo e bevande a tutti: automobilisti, passeggeri, passanti, etc.

foto di Helpyourself

foto di Helpyourself

L’associazione Help Yourself di Sacre Coeur-Sicap (quartiere di Dakar) da 8 anni si prodiga a distribuire ogni venerdì del mese del Ramadan pasti a tutti: persone bisognose, malate e persone comuni nei quartieri, sulle strade e negli ospedali.

Se volete solo divertirvi e fare vita mondana non è il periodo consigliato. Se volete conoscere e toccare con mano l’ospitalità senegalese è il momento giusto per programmare le vostre prossime vacanze!

Lascia un commento