Top
  >  Consigli di viaggio   >  Firenze in un giorno

Firenze è la città in cui vedere mille cose e descriverne i luoghi che meritano di essere visitati necessiterebbe di più puntate.
Quindi ho deciso di raccontarvi in questa puntata per quale ragione Firenze mi è entrata nell’anima.
Nel medioevo è stata un centro politico, culturale, artistico molto importante che ha determinato la sua ricchezza di monumenti ed arte. Diventata famosa e rinomata  grazie alla famiglia dei Medici che a partire dal XV° sec, ha contribuito non poco ad arricchirla artisticamente grazie al mecenatismo che ha portato a Firenze artisti tra i quali Brunelleschi.

foto di N. Sadio Fall

COSE DA VEDERE IN UN GIORNO

  • Piazza della Signoria
  • Gallerie degli Uffizi
  • Ponte Vecchio
  • Giardino dei Boboli
  • Duomo di Santa Maria del Fiore
  • Campanile di Giotto
  • Battistero di San Giovanni

Premessa

Come avrete capito amo l’arte e la cultura e questo mi porta a cogliere questi aspetti delle città e dei luoghi che visito. Non sono una critica d’arte né tanto meno un’esperta di beni culturali. Quindi perdonatemi se nell’esposizione non sarò all’altezza di uno studioso o professore. Sono semplicemente un amante della storia, dell’architettura, dell’arte e della cultura e sono sensibile a tutte le note e sfumature che possono offrirmi.
Bene, dopo questa mia breve premessa possiamo addentrarci in questo gioiello italiano!!!

Firenze è la mia prediletta. La amo molto e ogni qualvolta che vi ritorno ha la magia di suscitare in me uno stupore sempre nuovo. E’ l’unico luogo in cui potrei trasferirmi a vivere.
Direi che per questa meravigliosa città ogni luogo è un evento da non perdere ma se non potete soffermarvi per più giorni vi propongo di seguire il mio percorso fatto in un giorno in una delle tante mie visite.
Seguitemi!!!

Quando visitarla
Suggerirei di visitarla nel periodo settembre/ottobre in quanto il tempo è ancora bello, ci sono meno turisti e non sono ancora iniziate le gite scolastiche degli studenti. Firenze è bella in ogni stagione quindi anche ora sopratutto perché da novembre a febbraio i prezzi dei biglietti di alcuni musei sono più bassi.
Il bello della città è che la mappa non serve perché non ci si può perdere se non nella magia dei suoi palazzi e dei suoi splendidi scorci.

Percorso consigliato

Il mio percorso inizia appena si scende col treno alla Stazione che prende il nome della chiesa vicina di Santa Maria Novella. Si ha subito il benvenuto della città e un assaggio di arte e bellezza che si potrà ammirare sulle vie e piazze successive.

PIAZZA DELLA SIGNORIA

Camminando con passo tranquillo in 15 minuti si arriva dalla stazione dei treni alla piazza della Signoria dove verrete sommersi dalla maestosità del Palazzo Vecchio ove si son svolti grandi avvenimenti della storia fiorentina. Nella piazza troverete diverse statue tra cui il David di Michelangelo, precisamente una copia perché l’originale è custodito nella Galleria dell’Accademia.

La Piazza brulica di turisti ma è un brulicare affascinante in quanto tutti hanno lo sguardo estasiato di così tanta bellezza e non potete rimanerne indifferenti. Se vorrete fotografare il Palazzo Vecchio vi dico già che sarà impossibile inquadrare sia il palazzo che la Torre di Arnolfo ma provateci!!

Il percorso dagli Uffizi a Palazzo Pitti vi consente di vedere una profusione di arte e monumenti che vi lasceranno sicuramente a bocca aperta.

MUSEO DEGLI UFFIZI

Accanto a Palazzo Vecchio si può ammirare il museo degli Uffizi. Se avete tempo potete mettervi in fila ma visto che dobbiamo fermarci un giorno vi suggerisco di prenotarvi nel sito ufficiale del museo degli Uffizi. Inoltre si può con un biglietto unico cumulativo vedere gli Uffizi, Palazzo Pitti e Giardino dei Boboli. Ve lo consiglio poiché potrete risparmiare godendovi l’unicità dei luoghi che vedrete!!

Tempo di visita degli Uffizi

La visita degli Uffizi merita molto tempo in quanto sono tante le opere da guardarvi. Che siate amanti dell’arte oppure no il tempo necessario è di minimo 2/3 ore quindi scegliete già prima quali opere non volete assolutamente perdervi. Io invece ho visitato tutte le stanze perché non volevo perdermene nessuna!!!

Opere

Sono rimasta affascinata dalla strabiliante grazia della Primavera” e de La Nascita di Venere di Botticelli”. Ma l’ opera di Michelangelo “La Sacra Famiglia” conosciuta come il Tondo Doni mi ha letteralmente incantata per la vivacità dei colori in un tripudio di dinamismo, perfezione dei corpi e dei gesti che regalano al dipinto una maestosità senza tempo. Dovrete avere pazienza ad avvicinarvi alle opere più famose perché sono sempre ben affollate di turisti provenienti da tutto il mondo.
Il museo si sviluppa in più piani. All’ultimo piano vi è un bar dove potrete gustarvi il caffè su una splendida terrazza che da come scenario la città di Firenze, sappiate che il caffè potrebbe essere amaro se non starete attenti al listino prezzi!! Ma se potete, concedetevelo perché il panorama è eccezionale.

PONTE VECCHIO

Dopo gli Uffizi potrete recarvi verso uno dei più famosi ponti al mondo ossia Ponte Vecchio. Dovete solo stare attenti alla strada che porta dagli Uffizi a Ponte Vecchio perché non è pedonale, quindi se potete state sui marciapiedi, sarete sì rallentati dalla folla, ma caspita siete a Firenze!!
Sul Ponte Vecchio vi sono botteghe di orafi e nel caso abbiate intenzione di regalare gioielli o anelli di fidanzamento vi suggerisco di essere sicuri di avere un lauto plafond sulla vostra carta di credito altrimenti godetevi le vetrine.

Il Ponte Vecchio dà uno scorcio della città attraversata dall’Arno magnifico e spero come me resterete fermi a lungo per godervi questa visione.

PALAZZO PITTI

Proseguite il percorso verso Palazzo Pitti ed il Giardino dei Boboli, uno dei più bei giardini e parchi di Firenze.
Palazzo Pitti ospita la Galleria Palatina, Gallerie d’Arti Moderne, Tesoro dei Granduchi, Gli Appartamenti Reali e Mostre/Esposizioni temporanee che cambiano a seconda del periodo quindi vi proporrei di vedere prima se la mostra è di Vostro gradimento prima di entrarvi. Non mi soffermo nella descrizione su questo palazzo che vi invito ad esplorare per incamminarmi direttamente verso il Giardino dei Boboli.

IL GIARDINO DEI BOBOLI

Il giardino dei Boboli è patrimonio mondiale dell’ Unesco e vi si accede da 4 diversi ingressi tra quali Palazzo Pitti. Un parco meraviglioso e a seconda del vostro grado di allenamento, in quanto è un percorso che si sviluppa in salita, necessita un tempo di visita minimo di 2 ore.

Alla biglietteria di Palazzo Pitti avrete la mappa che vi aiuterà ad orientarvi nel percorso.
Il giardino regala una splendida veduta della città.

Dentro il Giardino dei Boboli

Veduta colline fiorentine dal Giardino Boboli Foto di N. Sadio Fall

All’interno ci sono vari luoghi da visitare tra cui il museo delle Porcellane che si trova sulla sommità del percorso e di fronte ad esso vi è un piccolo giardino che dona una straordinaria vista delle colline che coccolano Firenze.

Ci si può sedere sulle panchine lungo i sentieri e ove consentito nei prati così se vi assale la stanchezza potrete ritemprarvi in uno splendido contesto. In questo Giardino ho fatto l’incontro con uno splendido scoiattolo nascosto tra i cespugli!

L’ambiente meraviglioso suggerisce di portare dietro un telo per leggere un libro o semplicemente ascoltare della musica (mi raccomando le cuffie per non disturbare).

LA CATTEDRALE DI SANTA MARIA IN FIORE

Altro luogo che ha lasciato in me sensazioni indescrivibili è la Cattedrale di Santa Maria in Fiore, chiamata semplicemente Duomo, con la sua splendida facciata di marmi colorati e la cupola imponente del Brunelleschi.
Entrando potrete vedere gli splendidi affreschi della Cupola nonché nei sotterranei i resti della chiesa romana sulla quale è stata costruita la cattedrale. La visita del solo Duomo è gratuita ma dovrete acquistare il biglietto per accedere alla chiesa paleocristiana, alla salita sulla Cupola (solo questa necessita di prenotazione!), alla salita sul Campanile di Giotto e l’ interno del Battistero di San Giovanni.

La Cupola e il Campanile

Cattedrale di Santa Maria in Fiore

Se non soffrite di vertigini potrete salire sulla cupola e sul campanile.
Ho fatto il campanile quindi se soffrite anche di claustrofobia non è per voi.
I gradini sono tanti (414) ma a fronte della splendida vista che vi attende in cima direi che ne valgono tutti.

FIRENZE NELL’ANIMA

Penso abbiate capito che questa città mi è entrata nel cuore e nell’anima.
Dipende anche dal fatto che la gente di Firenze mi ha fatto sentire sempre come una dei tanti turisti che la visitano. Mi fa sentire libera.
Mi confondo nella massa dei visitatori e in un certo senso divento impercettibile quindi uguale. Nessuno fa caso alle mie origini perché tutti sono concentrati sul fatto che io sia soddisfatta e ben accolta come una qualunque visitatrice, ad esempio il cameriere che ti riceve col  suo migliore sorriso per accomodarti nel ristorante.

Poi in diverse occasioni mi si rivolgevano direttamente in inglese salvo poi rimanere sorpresi, penso piacevolmente, del mio accento veneto!

ANEDDOTI

In uno dei miei viaggi a Firenze ero con la mia amica Amarachi. Arrivate al punto informativo di fronte alla stazione dei Treni la ragazza allo sportello ci ha scambiate per americane. Al nostro rispondere in italiano ha tirato un sospiro di sollievo perché come ci aveva poi detto stava preparando il suo migliore accento americano!
E’ bello ogni tanto non subire domande classiche e a volte imbarazzanti che si fa al cittadino immigrato!!!
D’altro canto però mi dispiace che non ci sia ancora un automatismo nel riconoscere in un turista nostrano le persone di origini “non autoctone”.
Spero che in questi viaggi che condividerò con voi di questa mia Italia potremo riuscire un po’ a cambiare questa prospettiva.

Non mi resta che dirvi buon viaggio e attendo le vostre impressioni !!

Lascia un commento